ACCETTAZIONE DI SITUAZIONI, PERSONE E PROVE. ( DA LEGGERE )...............14....3....13

Accettazione di situazioni, persone e prove
  Esistono delle leggi: le leggi di Dio. Noi possiamo riconoscerle o ignorarle. Questo non cambia la realtà. La scelta del nostro libero arbitrio consiste nel collaborare od opporci tenacemente ad esse per ignoranza. Esse sono come note che risuonano nell'infinito, non fanno rumore, non sono eclatanti, ma spingono imperterrite verso il loro fine: nulla può fermarle. La legge del Karma e della Rinascita è una di queste.


È come un punto fermo che si espande con forza inesorabile verso il compimento del suo scopo. È come una forza della natura a cui l'uomo non può opporsi. Anzi, più resiste, più si ribella e più le prove della vita diventano dolorose, creando un circolo vizioso, aggiungendo dolore a dolore, creando sensi di colpa, accecamento, disperazione e atti violenti.

Un altro modo di reagire alle prove della vita è il subirle. Si soffre meno, si evitano alcune conseguenze esterne, ma non quelle interne, come la depressione e l'inaridimento interiore, ma soprattutto non si riconosce e non si apprende l'insegnamento, se non la sopportazione. Certo l'uomo può continuare quanto vuole a cercare le risposte con la sua mente razionale, ma intanto "il punto" si espande, spinge.

Dove spinge? È qui l'incognita, spinge alla sorgente, alla realizzazione consapevole della coscienza. La paura, quando si brancola nel buio, è che la sorgente potrebbe essere il "nulla". Ma la nota risuona, non c'è via di uscita. Cosa fare? Accogliere, affidarsi; a cosa? . a Dio.
Ma questa non è una soluzione, non può esserlo. Per millenni l'uomo ha cercato una risposta razionale alle sue domande, non è accettabile. È una imprecazione, ora nel duemila, dire, semplicemente, dobbiamo affidarci. Non è possibile, questo lo facevamo già millenni fa.


Allora tutto è stato inutile, secoli e secoli di dolore, di studi, di ricerca per arrivare alla stessa conclusione: affidarsi! Così sembrerebbe a prima vista, ma non lo è.
Oggi affidarsi non è più una debolezza, un senso di impotenza, ma è "un'alchimia".
È apertura alla vera conoscenza, è saggezza, è coscientemente accettare di essere guidati dalle leggi di Dio, studiate e riconosciute. Ma quale Dio? Dov'è questo Dio? È qui la risposta diversa dal passato.

Dio non è lì, in qualche posto nel cielo infinito, ma è qui dentro di noi che emette la Sua nota senza sosta. A questo è servito tutto il travaglio umano: a scoprire che Dio è "quella nota".
Ascoltare "quella nota" significa permettere che la divinità che è in noi si manifesti. E come? Accettando intelligentemente tutto della vita, chiedendosi a cosa serve quello che mi sta accadendo? È così che si possono apprendere le varie lezioni: cooperando con la vita, in modo da trarne conforto ed abbreviare la sofferenza. Anzi, succede spesso, che appresa bene la lezione, sparisca la causa della sofferenza.


Per accettare il dolore che le prove generalmente infliggono, ci sono solo due modi: un atto di fede in Dio o nella bontà della vita, che per essere efficace deve essere viva e attiva, o la conoscenza. Questa esiste nella comprensione delle leggi universali e in particolare, in questo caso, nella consapevolezza che l'uomo deve essere giunto al massimo della separatività, dell'autolimitazione e dell'egocentrismo, deve gradatamente ritornare alla sorgente.

Quando l'uomo comincia a sentire questo bisogno, si potrebbe dire la "nota" di Dio comincia una lotta aspra e dura, in quanto il richiamo viene a cozzare con le forze dell'egoismo e della separatività. Forze potenti entrano in gioco e impediscono alla ragione, imbrigliata dalle passioni e dai sentimenti, di guidarci lungo la giusta via. Ed è in questo stadio di sviluppo spirituale che si trovano molti uomini di oggi.


Detto così sembra facile, viverlo è una tragedia, un dramma in piena regola. Tutte le nostre "parti" entrano in gioco, mettiamo in scena praticamente tutto il "dramma umano" che la nostra immaginazione, meglio il nostro bagaglio di esperienza karmica, può contenere. Cosa può aiutarci ad uscire da questa situazione? Lo abbiamo già accennato, ma forse vale la pena di approfondire.
Sapere che la sofferenza ha uno scopo preciso per l'evoluzione, ci aiuta ad accettare e a comprendere più facilmente la sua ragione di essere.

Le sue funzioni sono molteplici. In primo luogo, anche se non è la più importante, costituisce una espiazione legata alla legge di causa ed effetto. Essa poi ci tempra, sviluppando in noi quel meraviglioso potere che è la resistenza interiore, necessaria allo sviluppo spirituale.

Ci obbliga, inoltre, a distogliere l'attenzione dal mondo esterno, riportandola sulla nostra interiorità, a liberarci dagli attaccamenti, ad entrare in noi stessi, cercando conforto, luce, guida, in pratica ci rivela a noi stessi. Allora dove sta il segreto? Invertire, invertire la risposta: emanare una "nuova nota".


Ma per emanare una "nuova nota" bisogna percepirla. Come fare? "Ascoltare". Ma per ascoltare bisogna fare silenzio, bisogna fermarsi e per fermarsi bisogna restare immobili nella situazione in cui siamo. Accettare prove e persone che mettono in scena "esattamente" ciò che è "perfetto" per udire "quella nota".
È come essere in CROCE: nessun movimento è permesso, bisogna andare a fondo, esplorare gli abissi del dolore, della disperazione, dell'impotenza.

Accettando di percepire dove tanta sofferenza ci trascina, sentendola anche nel corpo che si fa carico insieme a noi di tanto peso, possiamo diventare consapevoli che essa non ha fine. Il dolore non è solo nostro, appartiene all'umanità intera.

Questa è una rivelazione. Non siamo più soli in questo travaglio infinito. Ci rendiamo conto che anche gli altri, al di là dell'apparenza, sono nella stessa situazione: siamo tutti sulla stessa barca. La compassione per noi stessi prima e per l'umanità in seguito, comincia a risvegliarsi.

È il primo passo per comprendere che solo "l'amore" è la risposta adeguata: questa è la "nota" che vuole essere riconosciuta ed "emessa" come risposta a tutte le situazioni che la vita ci offre generosamente per comprendere. Questo dolore potrebbe essere evitato se solo il nostro atteggiamento verso la vita potesse cambiare.


Ma c'è di più. L'aver appreso con l'esperienza che il dolore è una "vibrazione" che lega l'umanità intera e che l'amore è la risposta giusta, diventa una spinta preziosa ad aiutare gli altri, semplicemente emettendo attivamente quella nota "AMORE" come punto fermo in espansione inesorabile.

Secondo il bel verso di Virgilio "non ignara mali, miseris succurrere disco" (non ignara del male, apprendo a soccorrere gli infelici). Finalmente possiamo realizzare che non è il dolore infinito, ma infinito è l'amore che adesso può rispondere.

www.italiadonna.it/spiritualita/pax046.htm - 16k -

Fonte: Associazione Pax Cultura

Accettazione di situazioni,......

Visto che questa meravigliosa coltre bianca,ha tutto perfettamente pulito ma ha anche fermato il mio continuo e frenetico agire e purtroppo anche il mio accesso alla scuola cristica,vorrei con voi analizzare quanto ho vissuto in questi giorni.

Dopo aver subito una lunga e offensiva aggressione verbale,il pom. di Natale sino alle 23,00, costretta dalle mie forme, per non offendere persone innocenti e meravigliosamente ospitali, il cui puro cuore,  solo da quel giorno, avevo apprezzato( e così io avevo potuto  uscire da un mio tipo di forme),nella notte sono stata risvegliata dal dolore causato da un coltello infilato sotto la scapola destra. Poi, nei tre giorni successivi,ho rotto 7 su 10 unghie delle mani e dopo un herpes labialis, ho finalmente iniziato a pormi i giusti interrogativi ed allora,come sempre, la scuola mi ha dato la soluzione.

 Ho letto per primo il mess.sulla Guarigione in cui sono riportate le parole di OSHO:"Stai attento alla tua ferita,non aiutarla a  crescere,guarirà solo quando ti avvicinerai alle radici.Meno testa e maggior guarigione:senza mente,nonc'è alcuna ferita." E poi ancora dice:"E'(questo) un tempo in cui le ferite del passato,profondamente occultate,tornano a riaffiorare,pronte e disponibili ad essere guarite."

Poi,l' altro messaggio inserito dal nostro Capitano,questo sull'accettazione.

Questo mess.inizia analizzando il potere ineluttabile delle leggi di Dio e parte dalla legge del karma e della rinascita. Dato che nulla succede a caso,anche quell'aggressione non era a caso:io dovevo subirla per risolvere un vecchio debito che,come il classico foruncolo purulento,era giunto a debita maturazione.Ora tutto era nelle mie mani;avendo il libero arbitrio,potevo risolverlo o continuare a sopportare,vita dopo vita,le conseguenze di mie azioni passate ma, dalla legge impersonale del karma,non dimenticate.Non si può resistere,testardamente,ad essa,il conto deve essere pagato.

Potrei subire il sopruso,come ho fatto per vite e vite,ma la dignità non me lo permette più.

 E' giunto il tempo della consapevolezza:io sono quell'io sono. Sono UNO e all'UNO tutto si deve:particolarmente FIDUCIA,RISPETTO ED   AMORE.

Già tempo fa mi era stato detto che ero entrata nella Fiducia ed ora con l'accettazione intelligente ero di diritto, una discepola del Cristo.

Il vocabolo "discepolo" deriva dal verbo latino, discere=conoscere,apprendere, per cui si può accettare il dolore solo dopo aver fatto un atto di Fede in Dio(=ah è così? allora è bene così),ma ad esso va aggiunta la conoscenza delle leggi universali e,per me in questo caso anche la conoscenza degli specchi esseni.I problemi che agitano od hanno agitato la mia "nemica",non sono miei nè voglio entrarci ma lei è stata per me una grande maestra e per questo la onoro e la rispetto. Lei mi ha fattto vedere come il rispetto di pseudo forme sia dannoso,distruttivo e deleterio per se stessi e per chi è a noi vicini.Tutto questo però dopo aver accarezzato scenari apocalittici di vendetta e scapaccioni vari. Ora sorrido della mia bambina ferita che voleva soddisfazione e che, in un'altro tempo, sarebbe scesa a singolar tenzone, come un cavaliere medioevale.

Ora da me si emana una nota nuova, ho sentito,ho potuto sentire il dolore della sua bambina ferita che tutto aggrediva e che contro tutti si scagliava non potendo,per ora, capire il perchè delle sue tante e,per lei,ingiustificate e non giustificabili sofferenze.Ma lei nulla chiede per capire il suo perchè.

Ora io mando tutto il mio amore a quell'anima che soffre.Il mio amore non significa che io le permetterò ancora di ferirmi o di offendermi. E' mio compito fermarla,almeno nei miei riguardi,quello che farà con gli altri non è mio.

Dice un pensatore musulmano,Morsi Gamil Aziz:"La parola con la quale potrai aprire tutti i tesori del mondo;dimmela.                  Dilla agli uccelli,agli alberi,alla gente.            A tutti ripeti:L'amore è grazia,non colpa."

Come avete ben visto ora ho lasciato libero di esprimersi il mio antico personagio dell'oratore,ha il permesso di farlo solo in onore di Dio e non del mio ego.                    Ditemi ,va bene, oppure debbo ancora usare maniere più restrittive?

Testimonianza di un abbraccio mancato.

 Essere in CROCE: nessun movimento è permesso, bisogna andare a fondo esplorare gli abissi del dolore, della disperazione, dell'impotenza."

============

Queste parole le ho vissute esattamente nell'anno 2000. Mio padre era da tempo ammalato di due tumori. Il secondo, quello alla gola, è stato devastante per la psiche di mio padre, che comunque nonostante il calvario della sofferenza, aveva affrontato il percorso della malattia con la forza di un ardito guerriero..

Dall'intervento totale alla gola, era rimasto privo della voce, quella voce che gli permetteva di proteggersi dalle interferenze di grossi elefanti che, con atteggiamenti infantili, hanno limitato pesantemente la sua vita.

La sua mente elastica, analitica e sveglia, ha dovuto adattarsi a quella di mia madre opaca e limitata da una infanzia vissuta in totale abbandono.

Mio padre lavorava nella taverna della nostra casa, il suo secondo lavoro di una vita era di costruite cribietti da muratore e padelle per le caldarroste. Da quando ho ricordo, lui aveva sempre svolto un doppio lavoro. Il suo sogno era quello di avere figli maschi che potessero incrementare, espandere, questa sua grande potenzialità..Purtroppo il destino gli ha concesso solo due figlie femmine ( che comunque adorava) .

Un triste mattino (il più triste della mia vita) sono scesa nel suo tanto amato laboratorio dove creava le sue amate "creature" e l'ho visto abbandonato su di una sedia con il viso tra le mani. Papà che c'è?  gli chiesi preoccupata......

Così ho potuto vedere, ciò che mai avrei voluto vedere...Il suo volto era l'immagine della consapevolezza di colui che sapeva che avrebbe dovuto rinunciare al suo piccolo, ma grande mondo lavorativo. Il mondo dove lui attingeva quei denari che gli donavano quella dignità,  quella garanzia, di poter continuare ad aiutare le sue amate figlie nel momento che.........

Adorato, meraviglioso papà, grande anima, grande cuore. Non dimenticherò mai quel viso. In lui l'immagine di ciò che era la dura realtà'.Tutta la tristezza dell'universo era scesa in lui... e di riflesso in me. Il mio cuore non reggeva a quel suo impotente dolore.

Non rabbia, non ribellione, ma UN' IMMENSA CONSAPEVOLEZZA che ciò che lo attendeva era un cambiamento radicale di vita..... come meta finale c'era ad attenderlo la morte.

===============

Finalmente possiamo realizzare che non è il dolore infinito, ma infinito è l'amore che adesso può rispondere.

===============

Io non ho saputo trovare le giuste parole, avrei voluto stringerlo forte al mio cuore e dirgli che forse.. ci sarebbe stata ancora una speranza, che forse avrebbe ancora potuto lavorare..

.Ma noi non eravamo abituati a lasciarci andare alle emozioni, e così ho detto parole vuote, senza partecipare in apparenza al suo dolore,(anche se in verità stavo morendo) per essere spettatrice impotente, davanti ad un destino già scritto.

Si è vero, il mio amore in quel momento era infinito, come era infinita la pena dell'impotenza, nel poter sollevare il mio adorato papà dal suo dolore di un uomo alla fine di una vita tanto amata.

Sto scrivendo questa testimonianza perchè.. ho fatto questa esperienza e quel viso, abbandonato tra le sue callose mani, è inciso in me con caratteri di fuoco vivo, tutt'ora vivo.

Chi ha ancora la fortuna di avere i propri cari sul pianeta, siate gentili con loro, e date loro quell'abbraccio che io , per un senso di soggezione, non ho potuto dare al mio adorato papà Pietro.

Ti amo Papà..tua figlia Marinella..La tua tusa.ImbarazzatoSorridente

 

{#emotions_dlg.big-hug}.....MARINELLA

 

 

(Nessun oggetto)

{#emotions_dlg.emoticon_grandi_47}

Login utente