Innalzarsi al di là delle Emozioni : il Distacco Amorevole

Innalzarsi al di là delle Emozioni : il Distacco Amorevole

Che cosa sono i tuoi pensieri, le tue emozioni, i tuoi sentimenti?
Cos’è mai l’intero complesso della tua mente?
Sono semplici increspature di un lago.
Semplice agitazione, sconquasso, turbolenza.
Ed è a causa di questa turbolenza che non riesci a vedere la tua natura essenziale.

La rabbia può esplodere improvvisamente, ma non puoi restare in collera per sempre.
Perfino l’uomo più rabbioso a volte ride, deve farlo.
Perfino l’uomo più triste a volte sorride.
E perfino l’uomo che ride continuamente, a volte piange e si dispera.
Le emozioni non possono essere qualcosa di permante, per questo vengono chiamate così.
La parola stessa viene da “moto”, indica movimento.
Si passa continuamente da un’emozione all’altra.
Un momento sei triste, un altro sei felice.
Un momento sei in collera, l’altro riveli una profonda compassione.
Un momento ami, l’altro avvampi di odio.
E’ un processo che scorre come un flusso inarrestabile.
Ebbene, questa non puo essere la tua natura.
Infatti, dietro tutti questi mutamenti, deve esistere qualcosa di permanente.
Chiediti dunque: che cosa permane dentro di me?

E’ importante comprendere questo: le emozioni sono nella tua testa, scaturiscono dalla mente.

Ma da qualche parte dentro di te esiste un testimone che costantemente osserva la mente, le emozioni e tutte le reazioni del corpo.
Quel testimone sei tu!
E quel testimone è in grado di godere di ogni cosa, una volta che sei centrato in lui.
La mente si sente infelice, soffre, prova ogni sorta di emozione,desiderio e attaccamento, ma sono tutte sue proiezioni.
Dietro la mente si trova il tuo Sè reale, la tua consapevolezza.

Colui che sperimenta le emozioni, la tua consapevolezza, non è nella mente.
E’ la mente a essere nella tua consapevolezza.
La consapevolezza è qualcosa di sconfinato, di infinito.
Emozioni, desideri, ambizioni, si trovano tutte nella mente, e alla fine moriranno con essa.
Ma la tua consapevolezza non sparirà.
E’ infinitamente più grande della tua mente e del tuo corpo.

Se ti senti in collera, sii in collera e non giudicarti.
Non dire dentro di te che è un bene oppure un male.
Se diventi consapevole di una specifica emozione, e questa emozione si dissolve a causa del tuo esserne consapevole, allora si tratta di un emozione “negativa”.
Se viceversa diventando consapevole di un’emozione, vedi che tu stesso diventi quell’emozione, che si diffonde e coinvolge tutto il tuo essere, allora si tratta di un’emozione “positiva”.
Se si tratta di un’emozione che avvelena il tuo organismo, grazie alla consapevolezza ne vieni liberato.
Se è qualcosa di buono, di sublime, di estatico, ti fondi con l’emozione stessa.
Ciò che nella consapevolezza non può rimanere verrà eliminato.
Ciò che nella consapevolezza cresce e si sviluppa è virtù.

Allenati a essere un osservatore, un testimone, e comincerai a contattare quella consapevolezza che fin’ora è stata trascurata dalla tua identificazione con la mente e le emozioni. Quella consapevolezza è il centro del tuo essere. Ed è li che la trasformazione accade da sè.

 

Innalzarsi al di là delle Emozioni : il Distacco Amorevole

https://risveglioeconsapevolezza.wordpress.com › innalzar.

Login utente

test