CRISTO IL BUON SEMINATORE......22....6...17

 Quelli che ricevono il seme tra le spine: sono coloro che hanno ascoltato la parola, ma sopraggiungono le preoccupazioni del mondo e l'inganno della ricchezza e tutte le altre bramosie, soffocano la parola e questa rimane senza frutto.  Quelli poi che ricevono il seme su un terreno buono, sono coloro che ascoltano la parola, l'accolgono e portano frutto nella misura chi del trenta, chi del sessanta, chi del cento per uno».

Marco 4,1-20

********************************************************

RIFLESSIONE

Spesso non ce ne rendiamo conto ma esistono delle leggi spirituali che influenzano ogni giorno la nostra vita che, una volta messe in azione, funzionano a nostro favore o sfavore. Una di queste è la legge della semina e del raccolto.

Ogni volta che seminiamo semi di amore con cura nei confronti degli altri, i semi iniziano a produrre il raccolto secondo la qualità del terreno in cui sono stati posti.
Ci sono alcuni semi che richiedono più tempo, cura e protezione di altri, ma se siamo pazienti con il tempo produrranno un rigoglioso raccolto. Gesù ha parlato dell’importanza del tempo di semina e del tempo del raccolto e ha  spiegato la differenza fra i vari tipi di cuore che ricevono il seme .

Seminare con il cuore, donarli senza sforzo in modo naturale e spontaneo è il modo più atto per far sì che ci siano molte più probabilità che possa essere accolto..
Gesù non ha mai avuto paura di esagerare nel distribuire perdono e accoglienza e non ha mai avuto nemmeno paura di dire quel che pensava ai suoi accusatori. Anche se molto spesso le parole e i segni di Gesù sono caduti come semi sulle rocce e non hanno portato il potenziale frutto, Gesù non si è fermato perchè convinto dell’importanza di seminare sempre senza sosta alcuna.

Gesù conosce le mie zone aride, ma sa anche che c'è della buona terra in me.
E anch’io, che in Gesù ho un modello di vita, sono chiamata a seminare amore in chi mi sta vicino e, anche se tanti miei gesti e parole cadono inutilmente nelle zone infruttuose non ha importanza, perché almeno un 10% di terra buona in ognuno di noi c’è . Sono convinta che il seme non rimane mai inerme nel terreno e un giorno nello spazio e nel tempo chissa!!!!!

Gettare i semi e non voltarsi a guardare dove sono caduti è il modo più atto per non crearsi delle aspettative che possono insuperbire la nostra natura già predisposta ad alterarazioni dell'ego.

Buona semina a tutti ......

.MARINELLA..{#emotions_dlg.big-hug}

Login utente

test