LA SALVEZZA

LA SALVEZZA

You are here:

LA SALVEZZA

La Salvezza è nel Cristo, nello Stato di Coscienza Cristica che infonde luce e verità, forza e coraggio, amore e speranza e, soprattutto, illumina.

La Luce di Dio è nel Suo Figlio, il Salvatore e Liberatore. Questi concetti sono tanto umani quanto universali e spirituali. Gesù non era solo religioso, non faceva parte di nessuna religione le stesse che oggi ci separano e alimentano l’illusione della separazione.

Gesù, il Cristo, è il Principe, il Re, il Principio Divino della Coscienza Cristica, Coscienza Universale, l’Alfa e l’Omega, l’Inizio e la Fine. Il Principio Cristico dunque è il principio dal quale tutto nasce e si sviluppa, ovvero lo Stato di Coscienza, una “coscienza” universale, spirituale. Cosmica.

E’ il Principio che unisce tutti e tutto. Il Tutto.

Affermare questo concetto non vuol dire essere di una religione piuttosto che di un’altra, Significa invece aiutare l’essere umano a penetrare nel proprio Cuore vera sede dell’intelligenza ed è dunque un messaggio universale poiché l’intelligenza della Coscienza Cristica, l’Intelligenza del Cuore, tutto vede e tutto sa.

Quando l’uomo e la donna attingono a questa “Conoscenza”, attingo alla Verità contenuta dentro di loro e diventano Portatori di Luce nel Mondo. Discepoli.

Il passaggio nel quale siamo a livello mondiale ci mostra la Via che conduce dal buio alla luce, la “Luce nelle tenebre”. E’ il passaggio preliminare alla venuta del Cristo quale fonte di illuminazione ed elevazione spirituale. L’uomo accende la Luce dentro di Sè e illumina il mondo, illumina la mente, illumina la ragione, illumina la visione della vita da dentro verso l’esterno.

Questa venuta è una trasmutazione dal piombo in oro, una trasmutazione da bruchi a farfalle, da “bestie” a uomini, da uomini ad anime, infine da anime ad angeli. Divinità.

Gesù giunge dunque quale liberatore e salvatore. La liberazione è intesa come libertà dalla schiavitù della mente, del corpo, delle paure, delle pulsioni, degli egoismi. La salvezza invece è intesa quale processo di guarigione ed elevazione spirituale.

Nel messaggio di Gesù è contenuta tutta la Sua misericordia, una misericordia universale che non ha confini e limiti poiché Dio si è reso uomo e quando l’uomo si apre all’Amore di Dio la sua esistenza trasmuta a Stato di Coscienza e Consapevolezza e lo porta verso l’illuminazione. Lo conduce ad armonizzare gli elementi di cui è composto, ponendo il Cuore e l’Anima al centro della vita.

Seguire Gesù non vuol dire seguire nessuna religione poiché l’unica vera “religione” è quella del Cuore.

L’uomo è la Vera Chiesa, il Tempio, e in esso sono custoditi i Doni dell’Anima, i Talenti.

La Chiesa non è più un luogo a noi esterno, ad esempio una cattedrale, ma bensì è l’Uomo stesso fatto a “immagine e somiglianza di Dio”. Dunque “seguire” Gesù vuol dire seguire se stessi e il proprio sentire interiore. Lo Stato di Coscienza.

Gli insegnamenti di Gesù, per il loro valore, sono omnicomprensivi, universali, stellari, abbracciano tutte le religioni e filosofie del mondo, tutti gli universi e tutte le Civiltà in esse presenti. Questa è la Volontà del Cristo., poiché Gesù è simbolicamente rappresentato con il Sole, l’Uomo Stella, l’Uomo di Luce: la Via, la Vita, la Verità.

Grazie a questa ritrovata visione è possibile donare a ogni essere umano amore e fiducia, forza e coraggio, volontà e unione. Essere tutti uniti nel Cuore. Essere un Unico Grande Cuore.

Da qui in poi si sviluppa una nuova consapevolezza che Dio è Uno e il Tutto e che vivendo nel Cristo noi viviamo nell’Amore e doniamo amore a noi stessi e al prossimo.

E’, infatti, nell’atto di essere Cristo, che troviamo la gioia di vivere e di diffondere gioia attraverso il Cuore e l’Anima poiché tale è la purezza di questo “sentimento”. Non parliamo più solo attraverso le parole, ma siamo bensì emanazione della Coscienza Cristica. Veicoliamo e diffondiamo dunque il nostro sentire interiore.

A quel punto l’esperienza umana, soprattutto nelle relazioni, diventa diretta emanazione di una Volontà ben superiore alla nostra. “Padre nostro che Sei nei Cieli, sia fatta la Tua Volontà”. La Volontà di Dio è la Volontà dell’uomo nell’Amore. Amore puro, Amore vero.

Diffondendo questo messaggio tra di noi, Gesù invita a essere veicolo di fiducia e speranza, una fiducia che diventa Fede, ovvero Verità che nasce dal sentire interiore. La vita allora si trasforma perché quando una persona vive nell’amore e nella gioia del sentire interiore diventa Portatore di Luce e diffonde il medesimo sentire.

Le persone che sono nelle vicinanze si ritrovano davanti a Sè persone illuminate, risvegliate, coscienti e consapevoli e grazie alla Parola, al “passaparola”, l’Amore si diffonde nel mondo e si diventa Servitori di Dio, nutrendo e ristorando le persone dalle loro afflizioni, angosce, paure, tribolazioni.

Il “linguaggio” del Cuore è il Linguaggio di Dio e non teme confini, barriere, poiché la Sua azione è così potente da penetrare i tessuti sociali che oggi ci separano raggiungendo l’Anima di una persona, accarezzandola, abbracciandola e nutrendola di fiducia. La persona non sa che esperienza ha fatto, non sa spiegarselo a livello cosciente, ma se ne va con la consapevolezza di aver incontrato una persona speciale.

Basta, infatti, una sola “goccia” dell’Amore di Dio per seminare fiducia in tutto il mondo. E come ci insegna il Profeta Daniele: “E’ giunto il tempo che gli uomini comprendono coloro che hanno l’intelligenza del cuore”.

Uomini e donne umanamente capaci di “ascoltare”.

Daniele Pulciani

 

Login utente

test