SEI NELL’ANIMA

SEI NELL’ANIMA

You are here:

SEI NELL’ANIMA

Abbiamo due visioni opposte ma siamo sullo stesso piano. Abbiamo due corpi differenti ma preposti alla stessa funzione. Abbiamo due mondi diversi, distanti tra di loro ma allo stesso tempo vicini. Sullo stesso “piano”. L’uno di fronte all’altra. L’uno accanto all’altra.

Nessuna delle due visioni è giusta o sbagliata. Entrambi sono corrette e valgono per ciò che sono. Da queste visioni nascono due modi di vivere indipendenti, autonomi e vicini e indivisibili.

Non ci può essere e non ci sarà mai più separazione tra l’uomo e la donna.

Parola del Signore.

Te ne parlo in questo articolo. Tieniti pronto. 

Attualmente per molti persone il rapporto con l’altro sesso è spesso conflittuale, fatto di sterili discussioni, litigi, sino ai casi più estremi. Viviamo in una società che piuttosto favorire una unione equilibrata degli stessi fa di tutto per creare condizioni con le quale anche i migliori pugili farebbe fatica a resistere.

E così si finisce per litigare, discutere e separarci.

In realtà però la separazione non esiste tra l’uomo e la donna, tra ciò che conosciamo come maschile e femminile, esiste solo su un piano illusorio, ossia che molte persone sono ancora convinte di credere che tutto sia separato dall’altro quando anche la fisica quantistica ha dimostrato il contrario.

Siamo tutti connessi e uniti tra di noi e non solo in rete.

Dunque parlare di “separazione” tra l’uomo e la donna e quindi tra la nostra parte maschile e femminile è come pretendere di voler separare il cielo dalla terra, la notte dal giorno, il buio dalla luce e, provocatoriamente parlando, tutto ciò ha probabilmente radici molto antiche.

Leggendo la Bibbia in questi giorni ho infatti scoperto (la parola esatta è intuito, una sorta di illuminazione) una cosa clamorosa.

Leggendo attentamente i primi passi della Genesi si scopre che Dio stesso inizio tutto separando la luce dalle tenebre, il giorno dalla notte e che da quel momento in poi sino ad oggi quella “separazione” probabilmente è la causa di tanti problemi che ci sono nelle relazioni.

Ti sto parlando dell’illusione più grande della storia dell’umanità, che ancora oggi ci condiziona nella percezione della realtà e del rapporto tra uomo e donna. Per non parlare di Adamo ed Eva cacciati dal Paradiso.

Qual è infatti quel dio che parla di separazione proprio mentre sta creando l’universo, i cieli, la terra, l’uomo e la donna? Può un dio dell’amore “separare” e tra le cose esserne rallegrato?

1 In principio Dio creò il cielo e la terra. 2 Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. 3 Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. 4 Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre 5 e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno. 6 Dio disse: «Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque». 7 Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. 8 Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno. 9 Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto». E così avvenne. 10 Dio chiamò l’asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona.

(Genesi 1,10)

“I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell’alto dei cieli”.

Che sia un giorno di gloria dunque quello di oggi perché i messaggio che ho ricevuto in questi giorni mi danno conferma che il Cristo è in azione e sta infondendo luce e verità nei cuori della gente. Nel cuore dell’uomo e della donna che ora aprono gli occhi e si risvegliano dall’illusione ipnotica della separazione, una separazione non solo tra il proprio maschile e femminile, ma anche tra l’uomo e Dio stesso.

Sta di fatto che sino ad oggi il maschile e il femminile sono stati in competizione tra di loro, e lo sono tutt’ora, in competizione soprattutto come se dovessero l’uno prevaricare sull’altra, ma le cose stanno cambiando sensibilmente.

Lo so, magari ti aspettavi un articolo più romantico, ma ti assicuro che leggendo sino alla fine troverai tanti spunti interessanti per capire come stanno le cose e perchè ci troviamo spesso con tanti conflitti tra gli uomini e donne. Poi in senso più escatologico sapi che è in atto una vera azione di rivoluzione ad opera di Dio e di Suo Figlio, Gesù, il Cristo.

Quello di cui ti parlo ha a che fare con l’uomo e la donna risvegliati nel cuore e il loro scopo è quello di integrare energie, conoscenze, talenti, doni e le rispettive visioni e fonderle tra di loro oltre-passando a un livello superiore la relazione, ossia più profondo e di connessione animica spirituale. 

Per farlo bisogna prima uscire fuori dall’illusione della separazione e così ho pensato di cogliere questa come l’occasione giusta per parlarti di un tema che sta spopolando sul web e che vedono sempre più persone affidarsi al proprio sentire interiore mettendo in discussione le religioni sino alle sacre scritture. Dunque quale migliore opportunità per non accennarti alcuni dettagli di quello che sarà un prossimo articolo riguardo ciò che accadde durante i 7 giorni della creazione.

Ritornando al tema dell’unione tra il maschile e femminile, da questa ritrovata connessione sta nascendo una maggiore collaborazione, calma, reciproco ascolto e rispetto, riconoscimento, autonomia emotiva, indipendenza ed esistenza. Due vite distinte, “distanti”, la distanza è una illusione il tempo e lo spazio non esistono, ma vicini e uniti tra di loro.

Entrambi però devono imparare a fidarsi l’uno dell’altra e smettere di farsi la “guerra”, di voler necessariamente prevaricare o dimostrare chissà che cosa e invece iniziare a giocare insieme. Giocare come due bambini perché loro è lo scopo più importanti di tutti.

Portare il Paradiso in Terra.

“’Lasciate che i bambini vengano da me; non impediteglielo, perché Dio dà il suo regno a quelli che sono come loro”. (Marco 14-15)

Il Regno di Dio è qui ed è presente nell’uomo e la donna … ritrovati e rinati.

Entrambi hanno i loro spazi, devono avere i loro spazi, mantenere le proprie autonomie ma essere vicini tra di loro. Vicini e uniti e indipendenti.

La vera unione del maschile e del femminile è infatti a un livello più profondo. Nel cuore.

Prima occorre essere uniti nel cuore e solo dopo si può unire il corpo e la mente. Saranno i cuori infatti a governare la relazione. Ovviamente parlo di quelle relazioni tra l’uomo e la donna di tipo “evoluta”, ossia in cui la relazione diventa la migliore occasione (palestra) per guarire ed evolvere insieme.

Una relazione animica spirituale ancor prima che “sentimentale” o matrimoniale. Una unione di anime nel profondo. Un abbraccio totale e accogliente in cui a farla da “padrone” sarà l’armonia.

Senza più conflitti, resistenze o “problemi”?

No, assolutamente no. Ma si avrà un’altra consapevolezza nell’affrontarli, nell’affrontare il rapporto più sul piano spirituale, divino che non materiale o come siamo abituati oggi a conoscere.

La relazione si sposta verso l’interno, verso il sentire interiore, l’altro lo si percepisce dentro al cuore e poi ci si centra, sempre nel cuore, e si vive con molta più armonia e fiducia.  

Per raggiungere questo stato evolutivo ciascuno deve compiere il proprio ciclo di guarigione dalle ferite e allinearsi totalmente alle proprie rispettive anime. L’allineamento del maschile e del femminile divino è prima di tutto dentro se stessi.

È solo da questa “fusione” con il proprio sé superiore, l’integrazione degli opposti cuore/mente e corpo/anima, maschile e femminile, sole e luna, che la relazione esterna diventerà lo specchio dello stato naturale delle cose. Stato interiore = Stato esteriore.

La natura ci viene in aiuto per farci comprendere la bellezza  di cosa significa Maschile e Femminile Divino che voglio sintetizzare in questa meravigliosa foto che mi giunge proprio oggi. Neanche a farlo apposta.

Nella foto due scarabei che “amoreggiano” su un fiore, l’uno di lato all’altro, di fianco e sullo stesso “piano”, livello. Nessuno prevale sull’altro. Come si potrà notare c’è perfetta armonia. A centro del fiore, che rappresenta la vita e la fertilità, l’impollinazione, neanche a farlo apposta un cuore. Sapevi infatti che nell’antico Egitto lo scarabeo era chiamato “Scarabeo del Cuore” per il suo potere e connessione con l’anima?

Coincidenze?

Niente affatto. Dio parla attraverso la natura. Dio è natura. Quindi davvero una giornata speciale quella di oggi a che se ne possa dire per gli eventi attuali.

Se oggi dunque la relazione con il tuo partner o la relazione con il sesso opposto o la relazione con te stesso/a è burrascosa, turbolenta, conflittuale non significa che sia necessariamente sbagliata ma che stai manifestando lo stato conflittuale tra il tuo maschile e femminile interiore i quali, bisogna ricordarlo e dirlo per chi non lo sa, sono stati separati dai tempi dei tempi.

Separati ahimè da un dio che nel creare il cielo, la terra, il mare, le montagne lo ha fatto SEPARANDO e non UNENDO.

Comprendi le differenze?

Comprendi come nella Bibbia al primo passo della Genesi si parli di separazione?  “Dio separò la luce dalle tenebre, il giorno dalla notte”, il bianco dal nero. E sai qual è il significato profondo di questo? Che si sta parlando del “divid et impera”. Si parla della più grande illusione ipnotica della storia dell’umanità, la stessa che vede condizionare ancora il rapporto che molti uomini e donne hanno tra di loro.

Per aiutarti a capire questo passaggio sappi che ciò che oggi noi chiamiamo giorno e notte nell’universo non esiste. È una illusione ottica. Il sole non va mai a dormire come la luna. Siamo noi che giriamo intorno con il nostro satellite.

Stessa cosa dunque nel rapporto uomo donna che vivono “separati” si ma che sono uniti tra di loro. E lo sono sempre stati. Quando due cuori infatti sono uniti l’uno all’altro la coppia può essere anche distante mille miglia tra di loro ma quella separazione sarà solo un’illusione.

Non è la stessa cosa tra due atomi?

Sta di fatto che anche la musica è maestra e c’è una canzone bellissima di Gianna Nannini che fa da titolo a questo articolo.. “Sei nell’anima e li ti lascio per sempre.. “ canta la cantautrice “Goccia a goccia, fianco a fianco..”, aggiungo “mano nella mano..”

Questa è la visione dell’uomo e della donna, del maschile e del femminile, del cielo e della terra che sono uniti tra di loro.

Una visione tuttavia che per essere realizzata richiede tempo, impegno e costanza ogni giorno ma anche gioco, divertimento e tanto amore, erotismo, sessualità. Il ruolo della sessualità sarà centrale per tanti aspetti ma sarà differente da come lo pratichiamo oggi perché sarà una sessualità che nascerà dal cuore.

Non sarà più possibile infatti fare l’amore con un uomo o una donna che non si sentirà prima nel proprio cuore.

Un caro saluto e buona domenica.

Se ti è piaciuto l’articolo grazie per condividerlo.

Daniele Pulciani

Per incontri e percorsi di life coaching, corsi di formazione per ragazzi, genitori, insegnanti, sessioni di riequilibrio energetico, sviluppo del talento, corsi di formazione per le aziende, scuole e associazioni ti ricordo di visitare il sito web di Accademia del Cuore e se hai domande o richieste di informazione puoi scrivermi alla sezione contatti.

www.accademiadelcuore.com

 

Login utente

test