Intuizione e intelligenza del cuore, nuove prospettive basate scientificamente

Intuizione e intelligenza del cuore, nuove prospettive basate scientificamente

 

“A mano a mano che l’umanità avrà praticato una vita basata sulle qualità del cuore, qualificherà il ‘rito’ di passaggio al livello successivo di consapevolezza. Usare la guida intuitiva del nostro cuore diventerà buon senso: intelligenza pratica“.

Doc Childre, fondatore di HeartMath

Spesso sentiamo dire: “La mia mente pensa una cosa, ma il mio cuore ne sente un’altra”. Per molte generazioni, abbiamo sentito e ci è stato detto di ascoltare il nostro cuore per discernere ciò che conta davvero. Molti di noi hanno consigliato ai cari o ai figli di ascoltare o seguire il proprio cuore quando andavano prese le decisioni significative della vita. Quindi, in realtà, molte persone sentono profondamente che il cuore è una fonte di guida molto più efficace di quella che solo la nostra mente può offrirci.

Il cuore intuitivo

Le ricerche dell’HeartMath Institute chiamano questa modalità di presa di decisioni il cuore intuitivo.

Sempre più persone sentono che il cuore è connesso a un sistema di guida più capace per creatività, decisioni e scelte più chiare e soprattutto per relazioni più profonde e amorevoli con gli altri. La prova di questo sono le molte migliaia di persone che stanno beneficiando di questa connessione più profonda del cuore in una varietà di culture.

La scienza può sì aiutarci a mostrarci la strada, ma non riesce a prendere le decisioni finali su come vivere le nostre vite. Queste provengono dal nostro cuore intuitivo. Di seguito, alcune delle ricerche scientifiche che l‘HeartMath Institute, dove mi sono formata a gennaio 2018, ha condotto per aiutare a spiegare la relazione cuore-intuizione e come questa può favorirci mentalmente, emotivamente, fisicamente e spiritualmente.

Ricerca sull’intuizione non locale

I ricercatori di HeartMath, e molti altri in tutto il mondo, hanno condotto studi controllati e scientificamente convalidati per determinare come funziona l’intuizione umana. Questa ricerca può aiutare a confermare ciò in cui abbiamo creduto per molto tempo: il cuore è fonte della saggezza, di intelligenza superiore e di intuizione.

Una definizione primaria di intuizione è la capacità di comprendere o conoscere qualcosa senza un ragionamento cosciente.

Tipi di intuizione

La ricerca dell’HeartMath Institute suggerisce che ci sono tre categorie di processi intuitivi.

1. Conoscenza implicita

Il primo tipo di intuizione, spesso chiamata conoscenza implicita o apprendimento implicito, si riferisce essenzialmente alla conoscenza che abbiamo acquisito in passato e che abbiamo dimenticato o non ci siamo resi conto di aver appreso. Attingendo alla concezione neuroscientifica del cervello umano come un dispositivo di confronto e corrispondenza dei modelli altamente efficiente ed efficace, sono stati sviluppati numerosi modelli di riconoscimento di pattern per mostrare come questo tipo veloce di processo decisionale intuitivo possa essere compreso puramente in termini di processi neurali. A questo proposito, il cervello fa corrispondere i modelli di nuovi problemi o sfide a ricordi impliciti basati su precedenti esperienze.

Il termine intuizione è anche usato comunemente per descrivere esperienze a cui la letteratura scientifica si riferisce come insight. Quando abbiamo un problema che non possiamo risolvere immediatamente, il cervello può lavorarci su inconsciamente. È comune che, proprio quando non pensiamo affatto al problema, quando siamo sotto la doccia, guidiamo o facciamo qualcos’altro, si presenti una soluzione nella mente cosciente, un processo che sperimentiamo come insight intuitivo. Questo tipo di processo implica un periodo di gestazione più lungo che segue un impasse nel problem solving, prima di un’improvvisa percezione o strategia che porta a una soluzione. Al contrario, l’intuizione della conoscenza implicita, descritta sopra, si verifica quasi istantaneamente ed è emotivamente carica.

2. Sensibilità energetica

Il secondo tipo di intuizione è quella che chiamiamo sensibilità energetica, che si riferisce alla capacità del sistema nervoso di rilevare e rispondere a segnali ambientali come i campi elettromagnetici. È noto che, sia negli esseri umani che negli animali, l’attività del sistema nervoso è influenzata anche dall’attività geomagnetica. Alcune persone, ad esempio, sembrano avere la capacità di sentire o percepire che un terremoto sta per verificarsi prima che accada. È stato recentemente dimostrato che i cambiamenti nel campo magnetico terrestre possono essere rilevati circa un’ora o anche di più prima che si verifichi una grande scossa. Un altro esempio di sensibilità energetica è il senso di essere fissati da qualcuno in pubblico; ti giri e qualcuno ti sta realmente fissando. Diversi studi scientifici hanno verificato questo tipo di sensibilità.

Intuizione non locale

Il terzo tipo di intuizione è l’intuizione non locale, che si riferisce alla conoscenza o al senso di qualcosa che non può essere spiegato dalla conoscenza passata o dimenticata o dal rilevamento di segnali ambientali. È stato suggerito che la capacità di ricevere ed elaborare informazioni su eventi non locali sembra essere una proprietà di tutte le organizzazioni fisiche e biologiche e questo probabilmente è dovuto a una intrinseca interconnessione di ogni cosa nell’universo. Esempi di intuizione non locale includono l’esperienza di un genitore che sente che sta succedendo qualcosa a suo figlio che si trova a molti chilometri di distanza, o quando pensi ad una persona e quella ti chiama subito dopo, esempi di sincronicità, o la sensazione ripetuta e di successo sperimentata dagli imprenditori su fattori legati al prendere decisioni aziendali efficaci.

L’intuizione non-locale

Dei tre tipi di intuizione – conoscenza implicita, sensibilità energetica e intuizione non locale – i ricercatori di HeartMath hanno deciso di studiare soprattutto l’intuizione non locale. L’intuizione non locale non può essere spiegata da conoscenze o processi impliciti passati o dimenticati; o rilevando segnali ambientali, legati alla sensibilità energetica.

L’esperimento
Diversi anni fa, il dottor Dean Radin, scienziato senior dell’Istituto di scienze noetiche, ha visitato il laboratorio di ricerca di HeartMath e ha condiviso i risultati di uno studio da lui condotto. In esso, il sistema nervoso autonomo dei partecipanti allo studio ha risposto prima di vedere immagini selezionate casualmente destinate a suscitare una risposta emotiva negativa o calmante. HeartMath ha voluto replicare ed espandere lo studio.

I ricercatori dell’HeartMath Institute hanno aggiunto altri protocolli allo studio, comprese le misure delle onde cerebrali dei partecipanti (EEG), l’attività elettrica del loro cuore (ECG) e la loro variabilità della frequenza cardiaca (HRV).

Ventisei adulti esperti nell’uso di tecniche HeartMath e che potevano sostenere uno stato di coerenza cardiaca hanno completato due cicli di protocolli di studio a circa due settimane di distanza. La metà dei partecipanti ha completato i protocolli dopo aver raggiunto intenzionalmente uno stato di coerenza cardiaca per 10 minuti. L’altra metà ha completato le stesse procedure senza prima raggiungere la coerenza cardiaca. Quindi hanno invertito il processo per il secondo ciclo di monitoraggio, con il primo gruppo che non è diventato coerente con il cuore prima di completare i protocolli e il secondo gruppo è entrato prima nello stato di coerenza cardiaca. Il punto era verificare se la coerenza cardiaca influiva sui risultati dell’esperimento.

Ai partecipanti è stato detto che lo scopo dello studio era testare le reazioni allo stress e non erano consapevoli del suo scopo reale, in modo da soddisfare gli standard del comitato di revisione istituzionale. Ogni partecipante si è seduto a un computer ed è stato istruito a fare clic con il mouse quando è pronto per iniziare.

Lo schermo è rimasto vuoto per sei secondi. I dati fisiologici del partecipante sono stati registrati da uno speciale software e quindi, una per una, sono state visualizzate una serie di 45 immagini sullo schermo. Ogni immagine, visualizzata per 3 secondi, ha evocato una forte reazione emotiva o uno stato di calma. Dopo ogni immagine, lo schermo è diventato vuoto per 10 secondi. I partecipanti hanno ripetuto questo processo per tutte le 45 immagini, 30 delle quali erano note per evocare una risposta calma e 15 una forte risposta emotiva.

Una visione più profonda dell’intuizione

I risultati sono stati affascinanti, dimostrando che sia il cuore che il cervello dei partecipanti sembravano indicare di ricevere e rispondere alle informazioni sulla qualità emotiva delle immagini prima che il computer le selezionasse a caso, come se stessero rispondendo a un evento futuro. In particolare, queste risposte si sono verificate, in media 4,8 secondi prima che il computer selezionasse le immagini in modo casuale.

E quando i partecipanti erano in modalità di coerenza fisiologica prima dei test, l’input afferente dal cuore e dal sistema cardiovascolare modulava i cambiamenti nell’attività elettrica del cervello, specialmente nelle aree frontali del cervello. In altre parole, i partecipanti erano più in sintonia con le informazioni dal cuore mentre erano in uno stato coerente prima di partecipare al protocollo sperimentale. “Pertanto, ci si aspetta che essere in uno stato di coerenza psicofisiologica aumenti la capacità intuitiva.”

Forse ancora più profondi erano i dati che mostravano che il cuore riceveva informazioni prima del cervello.

“Viene registrato prima dal cuore”, Rollin McCraty Ph.D. ha spiegato, “poi fino al cervello (corteccia emotiva e prefrontale), dove possiamo mettere in relazione logicamente ciò che stiamo intuendo.”

Perché questo è importante.

Come David Straus, CEO di Reason Ventures, scrive su Inc. Magazine, “La aha experience, l’insight, proviene dal cuore ed è alimentato dalla sua intuizione. La vera leadership visionaria si sviluppa nel cuore, non nel cervello. Ed è lì per ciascuno di noi per essere colta… abbiamo semplicemente bisogno della consapevolezza di come accedervi. “

I risultati sembrano inoltre fornire prove convincenti che suggeriscono che il cuore fisico è connesso a un campo di informazioni non vincolato dai limiti classici del tempo e dello spazio. Antichi mistici, filosofi e grandi pensatori avevano ragione: la saggezza del cuore può aiutarci a discernere i nostri problemi, le comunicazioni e le decisioni più di quanto sappiamo. Entrare nello stato di coerenza cardiaca e praticare semplici tecniche può cambiare molto, aiutandoci ad accedere a gran parte della nostra intelligenza intuitiva.

Nel workshop Il vantaggio della resilienza, quello ufficiale dell’HeartMath Institute che sto portando in Italia, tra le 6 tecniche che insegno c’è anche Freeze Frame, che è proprio la tecnica per accedere all’intelligenza del cuore nello stato di coerenza ed avere risposte da essa a problemi o sfide che stiamo vivendo.

Ho guidato centinaia di volte questa tecnica e, ogni volta, è sempre strabiliante quanto i suggerimenti che vengono dal cuore siano più saggi, con più possibilità, e diversi da quelli logici e mentali, che vengono fatti scrivere prima di entrare in coerenza.

Puoi approfondire il workshop, clicca nell’immagine qui sotto.

 

Fonti: https://www.heartmath.org/articles-of-the-heart/a-deeper-view-of-intuition/

 

Login utente

test